Una piccola casa (image by Viola)

image267_viola_chiocciole_1

Tanto tempo fa un animaletto che si spostava per terra scivolando lentamente, uscendo da sotto una foglia, vide un mago cattivo lanciare un malefico incantesimo. Tutte le case di un paese vennero bloccate, le persone congelate, laggiù non si poteva più muovere nemmeno una foglia. Arrivarono lì guerrieri e sapienti, altri maghi, per cercare di rompere il sortilegio, ma senza riuscirci. L’animaletto guardava attento, spostando di qua e di là le sue mobili antenne. Passò del tempo, rimasero, davanti al paese, sono poche sentinelle, annoiate, a controllare che non arrivassero altre sorprese. L’animaletto percorse pian piano la sua strada, aggirando il paese, era dispiaciuto per quanto era successo, ma d’altro canto, se non c’erano riuscite tutte quelle persone, a risolvere la situazione, come poteva riuscirci lei (oh… scusate, non l’avevo detto l’animaletto era una lei!) ? Però, a volte, anche chi non sembra capace, può dimostrare doti nascoste. Si accorse, osservando bene, che molto lontano (per un uomo era una breve passeggiata, ma per lei che era così piccola e lenta la distanza era tantissima) di un barlume violetto proveniente da un’albero. C’era qualcosa, laggiù, che pulsava, mandando sottili raggi verso il paese. Lei ci pensò su, sarebbe stato molto rischioso, cercare di arrivare sino a laggiù, visto che molta parte del cammino era su sassi. Lei aveva bisogno di umidità, per sopravvivere, e di foglie tenere ed erba per nutrirsi, ma era determinata a provare a trovare una soluzione, così si mise in cammino. Ci vollero molti, molti giorni, il sole la tormentava, quante volte avrebbe voluto qualcosa sotto cui ripararsi, sotto la pioggia, anche se le serviva per bere, non era poi tanto meglio e anche qui un riparo le avrebbe dato sollievo. Arrivò stremata alla meta. Vide che il bagliore proveniva da una minuscola scheggia di pietra. Nessuno degli uomini se ne sarebbe mai accorto. Ora si trattava di decidere cosa fare: toccare quella fonte di magia poteva essere pericoloso, non aveva nulla dietro cui difendersi. Di nuovo non esitò, si spostò con tutto il suo peso sopra la scheggia, fu squassata da una forza terribile, ma senza i raggi violetti l’incantesimo andò in fumo. Una fata, richiamata dal rimbombo magico del crollo della brutta magia, arrivò in perlustrazione, la vide e comprese. Le offrì una foglia verde e tenera per nutrirsi, poi, volendola premiare per il suo gesto, le fece comparire intorno una splendida casetta robusta, da portare sempre con sé, in modo che si potesse riparare quando serviva.

Stretta è la foglia, larga è la via, dite la vostra ch’io detto la mia

(foto di Viola  www.violetadyliopinionistapercaso.wordpress.com )

4 pensieri su “Una piccola casa (image by Viola)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...