Cosa cambia un attimo

Ho davanti agli occhi un biglietto, che termina con un “Ora tutto ok! Grazie mille” e una firma conosciuta di una collega. Che ora è in un letto di ospedale, lontano. Tutto si è compiuto in un attimo, un incidente. E una persona gioiosa, splendida per mille ragioni sta lottando per sopravvivere. In questi tre giorni ho continuato a pensarci, non sapevo se scriverne qui, ho un po’ finto che fosse tutto come prima, che non fosse cambiato niente. Invece tutto il resto passa in secondo piano, ti accorgi sempre di più di quanto la sua presenza era preziosa, di come era paziente nell’ascoltare, impegnata nella voglia di far bene, gentile con tutti. Non sono le solite cose che si dicono quando succede a una persona qualcosa di brutto, le penso davvero e tutto questo l’ho sempre detto anche a lei. Di fronte a queste cose cambiano le prospettive e ci si rende conto di quanto tempo perdiamo dietro a futilità. Se ne fossi capace, piangerei per lei. E la aspetto, perché desidero davvero che torni qui, contro il destino, contro tutto. Le farò leggere queste righe, quando sarà tornata.

10 pensieri su “Cosa cambia un attimo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...