Monopoli (il gioco)

Scorrendo le immagini, durante una ricerca, sullo schermo del pc era comparsa l’inconfondibile immagine del gioco dei “capitalisti”, il Monopoli. L’uomo di fronte alla tastiera ci aveva giocato molto, nella prima parte della vita. E vinceva. Aveva capacità di prevedere, di inventare strategie, ma c’era una cosa che era una sua unica peculiarità. Lui si era accorto che tra le regole non ce ne era una che vietasse di contrattare l’immunità al passaggio su una casella. La strategia comune, da parte di tutti, era quella di conquistare i terreni più ambiti, per guadagnare pedaggi onerosi e sbancare gli avversari. Così, senza che nessuno riuscisse apparentemente ad accorgersene, lui riusciva a vendere le carte dei terreni più importanti che otteneva in cambio dell’immunità al passaggio. Poi si accaparrava le carte meno costose e ci costruiva alberghi. Costava tutto molto meno e, alla fine, non dovendo pagare pedaggi importanti, pur guadagnando di meno con questi terreni, otteneva quasi sempre la vittoria. Senza che c’entrasse la fortuna, in qualsiasi modo andasse con i dadi o con i biglietti degli imprevisti e probabilità. Si era sempre chiesto perché nessuno mai avesse copiato la sua strategia. Forse perché credevano che non fosse corretta (ma i vantaggi che ognuno otteneva dai suoi contratti li accettavano pure!), forse perché pensavano che giocare secondo il modo comune fosse più divertente, forse perché… non brillavano nel pensiero laterale. Al Monopoli, quindi, era un vero mago. Nella vita reale… le idee c’erano comunque, ma le sconfitte erano molto, molto più numerose delle vittorie. Era piuttosto sicuro, come lo era al Monopoli, che alcune idee avrebbero portato vantaggi non solo a lui, ma anche ad altri. Ma non c’era stato verso, non venivano accettate. E le regole… nella maggior parte dei casi, gli altri, le infrangevano o le facevano interpretare a proprio vantaggio. Spense il pc e si preparò ad andare a dormire. Doveva esserci, in tutto questo, un insegnamento… era solo troppo stanco e troppo deluso, per comprenderlo.

3 pensieri su “Monopoli (il gioco)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...